Il Trentino e i trentini nella Grande guerra

Nuove prospettive di ricerca

Marco Bellabarba, Gustavo Corni (edd)


Collana: Quaderni
Numero: 100
Editore: il Mulino
Città: Bologna
Anno: 2017
Pagine: 201

Cartaceo

ISBN:978-88-15-27349-9

Libro

La Prima guerra mondiale in Trentino è una storia carica di silenzi. A lungo, per gran parte del secolo scorso, i soli protagonisti legittimati a raccontarla erano state le poche centinaia di giovani borghesi che, allo scoppio del conflitto, avevano attraversato di nascosto la frontiera dell’allora Tirolo austriaco scegliendo di combattere nell’esercito italiano. Alle migliaia di uomini e donne di ogni età rimaste invece dentro i confini dell’Impero asburgico, le ricerche avevano dedicato uno sguardo appena superficiale o, spesso, quasi di fastidio. I saggi raccolti in questo volume (frutto di un progetto di ricerca coordinato dall’Istituto Storico Italo-Germanico della Fondazione Bruno Kessler e dal Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento), cercano di colmare questo vuoto. Alcuni lavori si concentrano sulle vicende dei 55.000 richiamati nella divisa dell’esercito asburgico durante l’estate del 1914, che furono i primi a subire le tragedie dell’apocalisse bellica. Spediti a combattere sul fronte galiziano, morirono a migliaia già nei primi mesi del conflitto, decimati tanto dai russi quanto dagli errori strategici dei comandi superiori. Le morti sul campo, la scarsità degli armamenti e del cibo, le vessazioni subite a opera degli ufficiali austro-ungheresi, non furono dimenticate. Se disertare fu per molti una tecnica naturale di sopravvivenza, per altri i mesi trascorsi nei campi di prigionia russa segnarono il graduale allontanamento dalla ‘patria’ asburgica. Un secondo gruppo dei contributi racconta le vicende del fronte interno, poiché la guerra non distrusse e trasformò solo le vite dei soldati. A maggio del 1915, appena l’Italia dichiarò guerra all’Austria-Ungheria circa 100.000 trentini – in prevalenza donne, vecchi, bambini – furono costretti a lasciare i loro paesi. L’esilio forzato fu altrettanto penoso e difficile da sopportare. Finita la guerra, trovarono ad accoglierli le loro case distrutte o, per i più fragili, qualche stanza di un ospedale psichiatrico dove elaborare faticosamente il trauma del ritorno. Niente, nel Trentino ora divenuto italiano, sarebbe stato come prima.

 

Indice

Marco Bellabarba e Gustavo Corni - Presentazione
Francesco Frizzera - Spostamenti forzati, controllo poliziesco e politiche di assistenza. I profughi trentini nel contesto europeo
Alessandro Livio - L’amministrazione dell’internamento della popolazione di lingua italiana in Austria-Ungheria. Prime ricerche
Anna Grillini - Il ritorno: donne e soldati alla prova della memoria. Il caso del Trentino e Sudtirolo tra il 1919 e il 1924
Francesca Brunet - Giustizia in divisa. Le carte dei tribunali militari austriaci a Trento (1871-1918)
Simone Attilio Bellezza - Identità prigioniere. I trentini in Russia, 1914-1921
Alessandro Salvador - Patrioti o traditori? L’Austria-Ungheria e il problema della lealtà dei prigionieri austro-italiani nella Grande guerra
Marco Mondini - Lo sguardo bloccato. Il diffi cile rinnovamento della storiografia italiana sulla Grande guerra

Autori

Marco Bellabarba è professore associato di Storia moderna presso l’Università degli Studi di Trento. Studia le istituzioni politico-giudiziarie dell’Italia moderna e i problemi d’identità nazionale nell’Impero asburgico tra Otto e Novecento.

Gustavo Corni è professore ordinario di Storia contemporanea presso l’Università degli Studi di Trento. I suoi ambiti di ricerca sono lo studio comparato delle dittature e delle loro memorie nel Novecento, la storia della Germania e la storia sociale delle due guerre mondiali.

Parole chiave

  • Trentino
  • Guerra mondiale 1914-1918
  • Profughi trentini
  • Prigionieri di guerra trentini